Archivi categoria: I miei Libri

Esce “Voce del verbo corrompere”

E’ uscito in tutte le librerie italiane “Voce del verbo corrompere” (edito da Maria Margherita Bulgarini), della giornalista Angela Iantosca, un viaggio attraverso la letteratura, dalla Genesi ai giorni nostri, per raccontare la storia di corrotti e corruttori, di chi ha fissato per sempre sulla carta vicende realmente accadute che hanno travolto i politici o che non li hanno nemmeno sfiorati, per raccontare di come le leggi ad personam siano nate più di 2000 anni fa, di come i più potenti abbiamo sempre tentato di sopraffare i più deboli, di come la corruzione morale, dei corpi, dei costumi, della politica sia cominciata molti millenni fa.


Collana Biblioterapia
La letteratura può essere una cura? Leggere può aiutare nel comprendere il mondo intorno a noi? Parte da queste domande la scelta di dar vita ad una collana che prova a far leggere i grandi classici e quindi la nostra vita attraverso la selezione di chiavi di lettura nuove per entrare nei testi. Non più una lettura dunque verticale e singola delle opere, ma una visione orizzontale che attraversa i secoli.

Corruzione, gelosia, passione, amore, tempo sono i grandi temi (a volte le grandi patologie) del nostro quotidiano: Maria Margherita Bulgarini prova a ‘curare’ questi mali rileggendo in chiave anche contemporanea gli antichi, mostrando le fragilità di ieri, i drammi, le possibili soluzioni, le domande senza risposta che sono da sempre le domande dell’uomo. Direttori della collana Marco Moschitta ed Angela Iantosca.

18767882_10154654297212864_8094930209434734406_n

Pubblicato il dossier “Under”

Giovani, spesso minori, uccisi e gambizzati. Un esercito cresciuto all’ombra dei clan e dei “cattivi maestri” pronto a morire o a uccidere. Per soldi o per il solo fascino del potere che si trasforma in consenso sociale. Sono loro, con le loro storie, racconti in prima persona di chi è cresciuto troppo in fretta e racconti di chi troppo presto ha pagato con la propria vita, i protagonisti di “Under”: l’inedito dossier di Associazione antimafie daSud che accende i riflettori su giovani, mafie e periferie. Opera corale, a cura di Danilo Chirico e Marco Carta realizzata con il contributo di Fondazione con il Sud e pubblicata da Giulio Perrone Editore, “Under” è un viaggio lungo dodici mesi nelle periferie del Mezzogiorno d’Italia e del Lazio, che indaga il legame tra il mondo dei giovani e il sistema mafioso e che fa luce sulla trasmissione di ruoli e “valori”. Dalla Calabria alla Sicilia e dalla Campania alla Puglia, fino al Lazio: come si diventa criminali?

“Under”: il dossier di daSud che accende i riflettori su giovani, mafie e periferie. Opera corale, a cura di Danilo Chirico e Marco Carta realizzata con il contributo di Fondazione con il Sud e pubblicata da Giulio Perrone Editore

All’interno un mio contributo sulla Calabria!

copertina-under-2

In libreria “La Vittoria che nessuno sa” (Sperling & Kupfer)

“Quando sono nata mi hanno chiamato Giuseppe. Ma sapevo che non era quello il mio nome… Sono diventata attrice fingendo di essere attore, ho camminato di nascosto sulle punte, ho finto di essere un macho… ma come è difficile essere uomini! La schiavitù rende folli… E allora ho fatto l’unica cosa che potevo fare: ho ucciso Giuseppe e ho messo al mondo Vittoria”…

Dal 28 febbraio è in libreria “La Vittoria che nessuno sa” (Sperling & Kupfer), di Vittoria Schisano e Angela Iantosca, un racconto-confessione che svela i sogni e i timori infantili, le fughe, le lacrime, lo smarrimento di sentirsi donna mentre lo specchio riflette l’immagine di un uomo. La difficile scelta di abbandonare i compromessi e le ipocrisie per diventare ciò che è sempre stato.

 

 

SINOSSI

Giuseppe ama la sua famiglia e la sua terra, la Campania, ma ha due buone ragioni per abbandonarle: la passione per il teatro e un segreto che non può confessare a nessuno, neanche a se stesso. Così si trasferisce a Roma dove inizia a studiare recitazione e ad ascoltare il suo corpo e la sua anima. Giuseppe crede di essere omosessuale, eppure non è quella la risposta alla sua inquietudine. Un lungo e tormentato cammino lo porta alla decisione di cambiare sesso. Dopo mesi di cure, nel novembre del 2013 nasce Vittoria.

“La Vittoria che nessuno sa” è un libro autentico e appassionato sulla fatica di vivere di chi nasce “diverso”

 

Vittoria Schisano è nata a Pomigliano D’Arco con il nome di Giuseppe. Nel 1998 si è trasferita a Roma per studiare recitazione. Ha esordito in tv con Lando Buzzanva. Nel 2010 ha ricevuto il premio Oscar dei Giovani, nella categoria spettacolo, come miglior attore esordiente. Nel 2011 ha cominciato il percorso per cambiare sesso. È la prima donna ad aver effettuato un percorso di transizione a cui è stata dedicata una copertina di Playboy.

 16998185_10154381405827864_8809209556534140384_n

“Bambini a metà” ospite della WDR tedesca

Domenica 13 novembre e lunedì 14 novembre 2016 Bambini a metà – i figli della ‘ndrangheta (perrone Editore) ospiti della WDR.

Questo il titolo della trasmissione: “Zum Töten erzogen – Die Kinder der kalabrischen Mafia”, di Bernhard Pfletschinger e Milvia Spadi.

Le parole di Roberto Di Bella (presidente del Tribunale dei Minori di Reggio Calabria), Enrico Interdonato, la voce della cantante calabrese Prestia, le mie parole… sui minori, sulle donne, sulla Madonna di Polsi. E in sottofondo la ninna nanna malandrineddu… Più di 50 minuti dedicati ai minori di ‘ndrangheta!

 

PER ASCOLTARE

http://www1.wdr.de/radio/wdr5/sendungen/dok5/kinder-der-mafia-100.html

14656415_10154030822497864_3355838577979785046_n_dsc6381

Bambini a metà – i figli della ‘ndrangheta finalista del Premio Piersanti Mattarella nella sezione Libri Giornalismo

“Bambini a metà – i figli della ‘ndrangheta” (Giulio Perrone Editore) è finalista al Premio Letterario Piersanti Mattarella 2016  nella sezione Libri GiornalismoL’evento si svolgerà in due giorni a Roma.

IL LIBRO – Il lavoro di Angela Iantosca è uno spaccato sui figli della ‘ndrangheta: “Bambini cresciuti in un clima di violenza, omertà e sopraffazione: uno sfondo costante, un destino già stabilito, al quale difficilmente possono opporsi. Bambini che invece di giocare vanno a trovare il padre nascosto in un bunker, invece di sbucciarsi le ginocchia imparano a sparare. Bambini che poi crescono e, a 14 anni, non corteggiano le amiche a scuola, ma vengono affiliati con il rito del battesimo per poter diventare futuri uomini d’onore. Ma come vivono da giovani mafiosi? C’è chi è affascinato dal potere, chi cresce convinto che sia la violenza l’arma giusta, e la padroneggia senza battere ciglio; ma c’è anche chi rinnega la scia di sangue che il proprio nome si porta dietro. Come aiutarli? È difficile entrare nei loro pensieri, comprenderne esigenze, intime necessità e desideri inespressi. Ma una domanda è d’obbligo: se conoscessero un altro modo di crescere cosa accadrebbe? E cosa è accaduto a chi ci ha provato?”

IL PROGRAMMA – Domenica 20 novembre 2016, dalle 15 alle 20  sono previste brevi presentazioni degli autori e delle case editrici presso la Sala Protomoteca del Campidoglio.

A seguire, alle 20.30 saranno presentate a Villa Guglielmi, a Fiumicino, le opere finaliste

La finale è in programma lunedi 21 novembre alle 17, nella Nuova Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati a Campo Marzio con la proclamazione dei vincitori della seconda edizione del Premio Piersanti Mattarella 2016. La finale  sarà preceduta dal II convegno Memorial Piersanti Mattarella “Il recupero del senso del dovere

Opere Finaliste

Sezione libri-  II edizione Premio Piersanti Mattarella 2016

Nicolò  Angileri –  “Il fiore dei gitani” -Città del sole Edizioni

Clambagio  “ Nel nome di Shamash” Edizioni del Faro

El Grinta  “Giuseppe”   Albatros Edizioni

Fabio Giallombardo  “La bicicletta volante”  Autodafé Edizioni

Carmine Iovine “Asharam, dove Gandhi ha sconfitto la camorra”  Marotta e Cafiero Editori

Franco La Torre “Sulle ginocchia. Pio La Torre, una storia”  Melampo editore

Gino Pantaleone  “Il gigante controvento” Spazio Cultura Edizioni

Roberto Ricciardi “Il prezzo della fedeltà. Storia di Giuseppe Giangrande” Mondadori

Marcello Vitale  “La donna della panchina” Koinè Nuove Edizioni

 

Sezione  Libri Giornalismo –  II edizione Premio Piersanti Mattarella

Angeli Baldessaro Borrometi Capezzuto Castano Mastrogiovanni Oddone Polese  “Io non taccio”  Edizioni Cento Autori

Maria Rita Di Giovacchino “Stragi”  Castelvecchi Editore 

Gabriella Ebano “Insieme a Felicia. Il coraggio nella voce delle donne” Navarra Editore 

Angela Iantosca   “Bambini a metà”  Giulio Perrone Editore 

Bruno Palermo “Al posto sbagliato. Storie di bambini vittime di mafia” Rubbettino Editore

Ernesto Russo “Io, un cittadino vittima dei soprusi della pubblica amministrazione” La Repubblica 

Sezione Poesie – II edizione Premio Piersanti Mattarella

Lucianna Argentino Da “Le stanze inquiete” Edizioni La Vita felice

Marco Bruni  Da “Geometria di versi”  D’Orazio Editore

Giusy Fogu  “Donna che non saró”

Sezione Aforismi- II edizione Premio Piersanti Mattarella 2106

Camur  “Aforismi”

Francesco Crimi  “Aforismi”

Gianluca Vivacqua  “Aforismi”14699994_10209415385975152_410136625_n3612834a0c3ad0468ab478a67027b2cb_l