Esce “Voce del verbo corrompere”

E’ uscito in tutte le librerie italiane “Voce del verbo corrompere” (edito da Maria Margherita Bulgarini), della giornalista Angela Iantosca, un viaggio attraverso la letteratura, dalla Genesi ai giorni nostri, per raccontare la storia di corrotti e corruttori, di chi ha fissato per sempre sulla carta vicende realmente accadute che hanno travolto i politici o che non li hanno nemmeno sfiorati, per raccontare di come le leggi ad personam siano nate più di 2000 anni fa, di come i più potenti abbiamo sempre tentato di sopraffare i più deboli, di come la corruzione morale, dei corpi, dei costumi, della politica sia cominciata molti millenni fa.


Collana Biblioterapia
La letteratura può essere una cura? Leggere può aiutare nel comprendere il mondo intorno a noi? Parte da queste domande la scelta di dar vita ad una collana che prova a far leggere i grandi classici e quindi la nostra vita attraverso la selezione di chiavi di lettura nuove per entrare nei testi. Non più una lettura dunque verticale e singola delle opere, ma una visione orizzontale che attraversa i secoli.

Corruzione, gelosia, passione, amore, tempo sono i grandi temi (a volte le grandi patologie) del nostro quotidiano: Maria Margherita Bulgarini prova a ‘curare’ questi mali rileggendo in chiave anche contemporanea gli antichi, mostrando le fragilità di ieri, i drammi, le possibili soluzioni, le domande senza risposta che sono da sempre le domande dell’uomo. Direttori della collana Marco Moschitta ed Angela Iantosca.

18767882_10154654297212864_8094930209434734406_n

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>